Velocità del sito: un fattore cruciale

Un fattore troppo spesso sottovalutato ma che da tempo assume una grande rilevanza in termini di posizionamento in Serp è rappresentato dalla velocità del sito web. Se siete possessori o gestori di un sito lento dunque, oltre ad avere una frequenza di rimbalzo molto alta con conseguente perdita dell’agognata conversione, troverete molta più difficoltà ad apparire tra i primi posti su Google per le keyword di riferimento di settore.

Alcuni lo ignorano, ma la “page speed” influenza anche il famoso Quality Score di Adwords, ossia il punteggio di qualità (da 1 a 10) assegnato alle parole chiave di una campagna. Google considera tale fattore un elemento chiave nel determinare la “landing page experience”. Dato che il Quality Score influenza il CPC, costo per click, una pagina molto veloce può aiutarvi a risparmiare. Dunque, direi che non è il caso di sottovalutarlo.

Come fare per sapere se il sito è abbastanza veloce? La vostra impressione non basta, dovrete mettere alla prova il vostro sito utilizzando l’apposito servizio Google dedicato alla Page Speed . Qui otterrete un punteggio da 0 a 100, il Page Speed Score. Google considera performante un sito che abbia almeno un punteggio di 85/100. Utilizzando questo strumento di Google, Google Insights, oltre allo score otterrete anche indicazioni precise su quali sono i problemi e su come migliorare le performance.

Le cause più comuni della lentezza di un sito sono le seguenti:

1)      Pesantezza delle immagini: provvedete a caricare file non superiori ai 20/30 kb.

2)      Troppi plugin installati.

3)      Utilizzo di un template che effettua troppe chiamate al database tramite php.

4)      Scarsità di prestazioni del server che fa da hosting.

Mentre per le ultime tre problematiche la soluzione è facilmente intuibile nonché radicale, per quanto riguarda la prima si può procedere con la modifica delle immagini seguendo le seguenti linee guida:

–         Caricare file non superiori ai 20-30 kb.

–         La pesantezza di alcune immagini è determinata semplicemente dalla loro dimensione: riducetele.

–         Se un’immagine è in bianco e nero o ha uno spettro cromatico ridotto, utilizzate il formato PNG-8. Avrete una riduzione del peso davvero consistente.

        Se l’immagine è ricca di colori e sfumature è consigliabile utilizzare il formato JPG, con riduzione della qualità del 60/70%.

Se vi state spaventando per la tempistica che richiedono queste azioni, se non potete disinstallare i tanti plugin presenti sulla vostra piattaforma Worpress perché tutti indispensabili, se non avete intenzione per il momento di cambiare il template o il server che ospita il vostro sito, c’è un’altra possibilità per dare una bella accelerata al vostro sito.

Si tratta di installare un’estensione o plugin che permette di caricare più velocemente le pagine grazie alla creazione di copie cache delle pagine stesse.

Come fare, concretamente? Se avete un blog in Wordrpess, andate nella sezione “Plugin” e cercate “WP Super Cache” o “W3 Total Cache”e procedete con l’istallazione. Nel giro di poco noterete un bella accelerata. :)

Compila il form o contattaci allo 02 9163 8534


Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

 Accetto il trattamento dei dati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003.

Related posts