Come usare Google Alert nelle attività di SEO e Link Building

Chi lavora nell’online marketing non può non averlo mai sentito nominare. Ciò nonostante, in pochi comprendono l’utilità di questo tool free e decidono di utilizzarlo nel lavoro di tutti i giorni. Tra le altre cose, viene molto spesso sottovalutato il valore aggiunto che è in grado di apportare alle attività di SEO e Link Building. Stiamo parlando di Google Alert, uno dei tanti tool online gratuiti che il colosso di Mountain View mette a disposizione dei suoi utenti.

Che cos’è Google Alert? Si tratta di una sorta di segugio del web, uno strumento che consente di sapere nei dettagli tutto ciò che sta succedendo in un determinato ambito di interesse. Esso permette di monitorare il web, compresi i social network, sulla base di specifiche keyword, frasi, o argomenti impostati dall’utente. Ciò rende dunque possibile, per esempio, venire a conoscenza di tutte le citazioni fatte sulla rete riguardo alla propria azienda o a quella di un proprio competitor.

Come funziona? Inserite una keyword, una frase o una URL, o più di una (tra “” e separate da “OR”), selezionate se desiderate concentrarvi su tutti i tipi di risultati o su una tipologia specifica (News, Blog, Video, Discussioni, Libri), selezionate la lingua, l’area geografica, la quantità (tutti i risultati o solo quelli migliori) e, infine, la frequenza con la quale vi verranno recapitati i risultati nell’e-mail che indicherete sotto (In tempo reale, una volta al giorno, una volta alla settimana).

google alert

Come dicevamo all’inizio dell’articolo, vengono spesso sottovalutati i vantaggi di cui SEO e Link Builder possono godere utilizzando questo strumento. Eccone due a cui forse non avevate pensato:

1)      Trovare opportunità di guest posting: la ricerca di siti disposti ad ospitare guest post è da sempre uno dei punti fermi di un’attività di link building. Google Alert può aiutare coloro che sono alla ricerca di siti tematici con quello che si intende linkare e che danno l’opportunità di pubblicare articoli contenenti un link al loro interno. Ecco degli esempi di alert da realizzare nel caso in cui si voglia venire a conoscenza di opportunità di guest posting nel settore dell’arredamento:

–          “guest post” arredamento

–          “scrivi per noi” arredamento

–          “contribuisci a questo sito” arredamento

2)      Accorgersi in tempo di un attacco di negative SEO: di solito ci si accorge di avere subito un attacco di negative SEO nel momento in cui si notano crolli notevoli in Serp per una o più keyword e si è sicuri di non avere svolto personalmente attività considerate irregolari da Google. In questi casi, utilizzando un link checker come Majestic SEO, è possibile verificare la presenza o meno di link spam creati appositamente in grandi quantità per provocare una penalizzazione. Tenendo monitorato un determinato sito web è possibile ricevere in tempo reale, o quasi, direttamente nella propria casella di posta, ogni link e citazione, compresi quelli sospetti, e prendere le eventuali contromisure prima che sia troppo tardi e Google decida di infiggere una penalizzazione.

Compila il form o contattaci allo 02 9163 8534


Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

 Accetto il trattamento dei dati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003.

Related posts