Google contro il click baiting: in arrivo l’algoritmo antibufala

Efficacia seo e social network

 

Sempre più spesso capita di imbattersi in titoli “acchiappa click” o articoli di dubbia veridicità creati apposta per generare traffico. Tattiche ormai consolidate e divenute quasi una consuetudine per chi cerca di ottenere risultati immediati e fare incetta di click.

Tuttavia, per evitare di incappare nelle cosiddette bufale o in contenuti di dubbia veridicità, Google sta mettendo a punto un nuovo algoritmo che, sfruttando le informazioni del database Knowledge Vault, permetterà di individuare i contenuti poco attendibili (le bufale) penalizzando così i siti che li pubblicano.

Per chi non lo sapesse, Knowledge Vault è un sistema creato da Google nel 2014 che permette di catalogare automaticamente tutti gli argomenti e i fatti reputati veritieri e del cui database fanno già parte 1,6 miliardi di contenuti.

L’algoritmo Knowledge-Based Trust, studiato da un team di ricercatori di Google, dovrebbe dunque limitare la circolazione in rete di notizie false, penalizzando coloro che diffondono la bufala.

Secondo quanto riportato da  Arxiv.org, in cui viene spiegato il funzionamento del nuovo sistema: “Una fonte che ha poche notizie false viene considerata affidabile. Le notizie vengono estratte automaticamente da ogni fonte mediante metodi di selezione dell’informazione già utilizzati per costruire i nostri database”.

Così, i siti che presentano contenuti inventati e privi di fonti certe saranno automaticamente penalizzati, al contrario, tutti quelli che riportano un numero esiguo (o nullo) di notizie false scaleranno la classifica dei risultati di Google.

Dopo Facebook, che lo scorso agosto aveva rilasciato un aggiornamento volto a individuare e penalizzare proprio questo genere di contenuti acchiappa click, anche Big G dice stop al click baiting, ai link “spazzatura” e ad ogni altro tipo di contenuto ritenuto poco attendibile.

Related posts

SEO specialist

SEO specialist

Quella del seo specialist è una delle professioni che maggiormente caratterizzano il mercato del lavoro di oggi. Anche nel mio libro Trova lavoro...

Posted