Bye Bye PageRank!

3374813066_914e10268b_o

Qualche giorno fa Google ha confermato la rimozione del Toolbar PageRank dai browser, questo significa che non sarà più possibile verificare e conoscere il valore delle pagine, ma che tuttavia verrà ancora utilizzato dall’algoritmo seppur con un ruolo marginale.

Agli albori,  poiché anche una piccola variazione in aumento del punteggio sulla scala di valutazione, poteva condurre un sito a scalare il proprio settore di mercato.

Secondo un articolo redatto da Search Engine Land, la ‘morte’ del Pagerank è dovuta all’evoluzione stessa su cui ha puntato il motore ricerca: questo valore cominciò a perdere importanza quando Google iniziò a sviluppare algoritmi in grado di soddisfare esigenze diverse, come per esempio i link.

“You want better PageRank? Then you want links”

Da questo momento è nato un vero e proprio mercato basato sui link utili per migliorare i punteggi di PageRank, secondo il motore di ricerca, infatti, potevano essere equiparabili a dei voti “com’era nella natura democratica del web”.

I link con il tempo acquisirono maggior importanza e determinanti ai fini del posizionamento di un sito, tanto da sviluppare un vero e proprio business basato sull’acquisto, quindi non più “naturale”.
A seguito del cambio di algoritmo, nel 2002, l’azienda Search King che si occupava della rivendita di link fu penalizzata e intentò una causa contro Google, perdendola.

Successivamente, i link diventarono spam e vennero introdotti nei blog, nei forum e ovunque si potesse, pur di incrementare il valore di PageRank tanto da indurre Google, nel 2005, a introdurre il tag nofollow per evitare trasferimenti di valore forzati ai link.

Declassare il PageRank diventò sempre più necessario per far fronte alle conseguenze di quell’evoluzione apportata dalla metrica che, ai tempi, permise a Google di primeggiare dal punto di vista tecnico, sugli altri motori di ricerca.

Related posts

SEO specialist

SEO specialist

Quella del seo specialist è una delle professioni che maggiormente caratterizzano il mercato del lavoro di oggi. Anche nel mio libro Trova lavoro...

Posted