Analizzate un sito nei dettagli, prima di pubblicare!

link

Nonostante le recenti dichiarazioni di Matt Cutts in materia abbiano spaventato parecchi SEO e link builder, l’attività di guest posting è ben lontana dal pre-pensionamento. Ovviamente, per non venire incontro a penalizzazioni, la stessa deve essere effettuata con attenzione e grande criterio. E’ chiaro ormai da qualche mese il fatto che Google tollererà sempre meno i link provenienti da siti e blog di bassa qualità, spazi web aggiornati di rado, dotati di template antiquati e che ricevono poche decine di visitatori ogni mese; in poche parole, tutti quei siti web che rimangono online con l’unico fine di vendere link o fare scambi di link in ottica SEO.

Tali fattori non dovranno dunque essere ignorati in una campagna di link building e dovranno fare il paio con la link popularity e le altre metriche messe a disposizione da strumenti quali Majestic SEO.

Proprio sul blog di Majestic SEO, quest’oggi viene affrontata la questione del guest posting. Il noto link checker conferma la grande importanza di Citation Flow e Trust Flow (di cui abbiamo già parlato qui) ai fini della valutazione di un sito. La prima misura i livelli di linking, la seconda i livelli di affidabilità (trust). Benchè il Trust Flow sia già di per sé un elemento indicativo, nell’articolo si sottolinea l’importanza del rapporto che c’è tra queste due flow metrics: il Trust Ratio, o Indice di Affidabilità (IA). Si Tratta di calcolare un valore che indichi se il numero di link entranti siano realmente provenienti da siti affidabili. Ecco la formula:

Trust Flow / Citation Flow = Indice di Affidabilità.

Se il valore è superiore a 1 significa che il Trust Flow è superiore al Citation Flow: in questo caso siamo di fronte ad un sito con un buon indice di affidabilità. Eccone un esempio qui sotto:

link profile

Un sito potrebbe comunque essere spam nonostante i valori molto buoni in termini di Link Popularity e Trust Flow e l’apparente qualità della forma e dei contenuti. Un buon metodo per avere una certezza ulteriore che il sito in questione possa essere il luogo adatto per ospitare il nostro guest post è quello di utilizzare http://www.semrush.com/it . Dopo avere inserito l’url del sito che si necessita analizzare e cliccato su Overview, è possibile visualizzare il grafico che mostra la variazione di traffico del sito nel corso della sua storia. Qui sotto, un esempio di sito web che con ogni probabilità ha subito una penalizzazione da parte di Google:

semrush

Compila il form o contattaci allo 02 9163 8534







Accetto il trattamento dei dati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003.

Related posts

'